Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  marzo 01 Venerdì calendario

Massimo Battista, operaio dell’Ilva di Taranto e cittadino libero e pensante, ha messo sul suo Facebook (da ieri abbrunato per la nuova morte di lavoro) questo raccontino esemplare: “Capitano tutte a me, stasera mentre camminavo in via Plateja si avvicina una nonnina mi chiede sint bell piccinn taghi vist in televisione ma l sol d l’imu quand m lann da (‘senti bello mio ti ho visto in televisione, ma i soldi dell’Imu quando me li danno’, trad

Massimo Battista, operaio dell’Ilva di Taranto e cittadino libero e pensante, ha messo sul suo Facebook (da ieri abbrunato per la nuova morte di lavoro) questo raccontino esemplare: “Capitano tutte a me, stasera mentre camminavo in via Plateja si avvicina una nonnina mi chiede sint bell piccinn taghi vist in televisione ma l sol d l’imu quand m lann da (‘senti bello mio ti ho visto in televisione, ma i soldi dell’Imu quando me li danno’, trad. mia), io gli ho risposto signora vedete meno la televisione e facim a rivoluzion ma no quedd civil (‘e facciamo la rivoluzione ma non quella civile’, trad. mia)”.