Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  marzo 01 Venerdì calendario

Servo di Dio Luigi Giussani, ignoro se in paradiso si leggano libri comunque ti avviso che Laterza ha pubblicato “Milano nell’anima” di Aldo Maria Valli, autore cattopisapiesco però sufficientemente ecumenico da risultare benevolo verso David Maria Turoldo, frate divorzista e partigianista quindi radicalmente anticristiano, e non malevolo verso di te

Servo di Dio Luigi Giussani, ignoro se in paradiso si leggano libri comunque ti avviso che Laterza ha pubblicato “Milano nell’anima” di Aldo Maria Valli, autore cattopisapiesco però sufficientemente ecumenico da risultare benevolo verso David Maria Turoldo, frate divorzista e partigianista quindi radicalmente anticristiano, e non malevolo verso di te. Riassume la tua intuizione in poche righe, e molto meglio di molti tuoi seguaci, tanto zelanti quanto ottusi: “Don Giussani non condivide la classica distinzione tra sfera naturale e soprannaturale e tra virtù umane e virtù cristiane. Per lui il fatto cristiano comprende l’uomo in tutte le sue espressioni”. Ho la sensazione che basterebbe mettere in pratica pagina 161 per salvare Comunione e Liberazione e magari il cattolicesimo che è appunto un non condividere le classiche distinzioni, le distinzioni del mondo. Le vie del Signore sono infinite, figuriamoci se non possono attraversare un libro Laterza e un vaticanista che quando nomina Giuliano Pisapia (pagina 203) si piscia sotto.