Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  marzo 01 Venerdì calendario

INNAMORATO PAZZO

Domenica al seggio ho visto Liana Pederzani, la bella signora che fa la pubblicità della pasta Polident. “Perché sanno che io la pasta la uso” è il suo slogan. Io ero scrutatore al seggio. Appena l’ho vista le ho chiesto: “Liana, mi fa l’autografo?”. Lei: “Certo”. Poi mi sono allargato nei complimenti: “Liana, se ci fosse stata lei candidata l’avrei votata”. Liana: “Ma io sono candidata!”. Io: “Bene, la voto subito! Anzi, allo spoglio delle schede, le bianche diventeranno tutte voti per lei”. Il presidente del seggio, nel sentire ragionare uno scrutatore come un deficiente, fa: “Grassone, non disturbare gli elettori!”. Io mi sono sentito discriminato, ho chiamato la pubblica sicurezza. Le elezioni a quel seggio sono state annullate fisse.
Alla mattina, tra lavarmi e far bere il bestiame, viene mezzogiorno. Poi faccio un riposino fino alle quattro. A quel punto mi lavo e faccio bere il bestiame. Poi è già quasi notte, per cui mi preparo per lavarmi e mettere a letto il bestiame. Se hanno sete di notte, bevono da un deposito vicino che non è mio. Nessuno si è mai accorto di niente. Magari sì ma non lo dice per non offendere.