Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  febbraio 28 Giovedì calendario

Mea culpa per una grattugia. Ho comprato una grattugia piana Alessi e l’ho comprata su Amazon per 123,50 euri senza spese di spedizione

Mea culpa per una grattugia. Ho comprato una grattugia piana Alessi e l’ho comprata su Amazon per 123,50 euri senza spese di spedizione. Sul sito Alessi costava 133 euri (possibile pagarla di più con un passaggio in meno? Possibile) e non sono riuscito a capire se la spedizione fosse compresa o esclusa. Siccome mi piace toccare prima di comprare, ho provato coi negozi: due a Parma e uno a Reggio Emilia, tutti Ambassador Alessi e nessuno con la grattugia delle mie brame. I gentili esercenti hanno provato a vendermi un modello Alessi più recente e forse anche più bello, però verticale e dunque di dubbia praticità. Poi mi hanno detto che, se proprio, la mia grattugia piana avrei potuto ordinarla presso di loro. Temendo lungaggini e aggravi sono tornato a casa senza ordinare, ho guardato la mia vecchia grattugia, distrutta da 21 anni di onorato servizio, e ho commesso peccato: ho cliccato su Amazon. Tre giorni dopo mi è arrivata la grattugia nuova e ora mi sento colpevole. Probabilmente perché lo sono. Col mio gesto frettoloso credo di avere danneggiato il piccolo commercio, l’occupazione, la circolazione stradale e le casse comunali (dove caspita paga le tasse Amazon?). Forse non sarà una massima colpa, questa mia colpa, ma è una colpa.