Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

FRAMMENTO DEI FRAMMENTI CHE RISPONDONO ALLA VOCE “FUCCILLO, MINO”


Dieci anni fa (all’Unità) avevano già avuto l’esperienza di un direttore approdato da Repubblica, Mino Fuccillo. Fu considerato altezzoso e supponente. Si chiudeva con i fedelissimi e la sua stanza restava tabù per tutti gli altri. (Il Giornale 15 settembre 2008, Giancarlo Perna)

DIRETTORI di giornali, politici di destra e sinistra, sedicenti scrittori, conduttori televisivi, partiti. Non si contiene e non di rado cerca la pugna anche en plein air, come accadde con Mino Fuccillo, ex capitano di una breve stagione del quotidiano fondato da Gramsci, concuiAbbate,sfioròilcorpoa corpo davanti alla statua di un altro eretico, Giordano Bruno, tra i tavolini vacui di Campo de’ Fiori. “Mi hai rotto i coglioni, Fulvio”, “Vediamoci fuori” e nell’imbarazzo generale, tra i turisti che sciamavano ignari, li dovettero effettivamente dividere. (Malcom Pagani, Silvia Truzzi, il Fatto Quotidiano 16/9/2010)