Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

FRAMMENTO DEI FRAMMENTI CHE RISPONDONO ALLA VOCE "COVA

ALBERTO"

Da settant’anni si corre a San Vittore Olona la Cinque Mulini, gara campestre così chiamata per via dei mulini che punteggiano il percorso tra boschi e sentieri sassosi […]. L’ultimo italiano a vincerla, nel 1986, Alberto Cova. "Se non corri la Cinque Mulini non puoi dire di essere un mezzofondista completo, non sei laureato in atletica" […].
Claudio Colombo, 7/3/2002.

***
[…] Francesco Conconi, studioso anche del sangue, avesse praticato l’autoemotrasfusione a certi atleti (Alberto Cova, campione d’Europa, del mondo e olimpico andando in crescendo) non è un mistero. Era una pratica completamente lecita all’epoca: si arricchiva il sangue di un atleta del proprio sangue preventivamente prelevato […].
Scheda Parrini su CONCONI Francesco

***
PANETTA Francesco. Ex campione del mondo dei 3000 siepi •«[…] avrebbe accettato anche un paio di consigli da Alberto Cova, il cavallo di razza della scuderia Pro Patria: mettiti le lenti a contatto e tagliati quei riccioli. […] Quando approda al nord, ci mette poche settimane a capire come funziona la vita: “Cova era la punta di diamante, io il suo scudiero. Eppure non ho mai considerato Alberto un imbattibile. In allenamento ero l’unico a stargli dietro, e spesso anche davanti. Ricordo un 800 prima degli Europei di Stoccarda: Rondelli mi chiede di tirare la volata ad Alberto ma anche di non mollare prima del traguardo. Tiro la volata, Alberto mi sorpassa ai 50 metri finali, io non mollo e mi sento talmente tanto bene da riprenderlo e sorpassarlo a 20 metri dalla fine. In tribuna c’è chi diventò bianco di spavento. Sa, battere il campione mondiale e olimpico...” […].
Claudio Colombo, “Corriere della Sera” 9/2/2001 - Scheda Parrini su PANETTA Francesco

***
ANDREI Alessandro. Ex lanciatore del peso. […] Ottiene la sua consacrazione internazionale alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984, conquistando l’oro […]. La prestazione di Andrei, insieme con le vittorie di Alberto Cova e Gabriella Dorio, consente alla rappresentativa italiana di eguagliare il primato di medaglie d’oro raggiunto dall’atletica azzurra nei precedenti giochi di Mosca (Maurizio Damilano, Pietro Mennea, Sara Simeoni).
Sport, a cura di Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Garzanti 2008 – Scheda Parrini su ANDREI Alessandro