Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

FRAMMENTO DEI FRAMMENTI CHE RISPONDONO ALLA VOCE "BENTIVEGNA, ROSARIO"


Gli incubi di via Rasella e quelli conseguenti delle Fosse Ardeatine sessantuno anni dopo trovano ossessivamente spazio nei pochi sopravvissuti, nei libri, nelle cerimonie, nei dibattiti pubblici, persino nei tribunali, ma non in via Rasella. […] Però ogni anno, ogni 24 marzo, l’incubo ritorna. E’ l’incubo dei 335 ostaggi italiani abbattuti per ritorsione dai tedeschi alle Ardeatine il giorno successivo via Rasella. […] L’incubo dei processi alla storia, a Rosario Bentivegna e a Erich Priebke - cioè a via Rasella e alle Ardeatine - per stabilire con certezza togata se la prima fu azione di guerra o terrorismo, la seconda reazione legittima o crimine contro l’umanità. Assolto Bentivegna, condannato Priebke, ma che illusione supporre che il diritto potesse dirimere. […].

Mattia Feltri, La Stampa 31/03/2005, pag.23