Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1999  aprile 20 Martedì calendario

Campi. Il campo italiano di Kavaje, vicino a Durazzo, accoglie seimila profughi kosovari. Ogni giorno la cucina scalda 800 litri di latte, sforna dieci chili di pasta ogni otto minuti, duecento porzioni di riso ogni diciotto minuti

Campi. Il campo italiano di Kavaje, vicino a Durazzo, accoglie seimila profughi kosovari. Ogni giorno la cucina scalda 800 litri di latte, sforna dieci chili di pasta ogni otto minuti, duecento porzioni di riso ogni diciotto minuti. Nel campo svizzero-tedesco di Spitall (1.500 profughi, capacità di 14 mila posti), la dispensa distribuisce pesanti sacchi di patate e altre derrate alimentare che i kosovari devono provvedere a cucinare sui fornelli sistemati sotto le tende di servizio (scopo: restituire alle famiglie la loro intimità durante i pasti)