Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1999  ottobre 01 Venerdì calendario

Per la prima volta nel Sinodo dei vescovi aperto venerdì 1 ottobre in Vaticano il latino non è stata la lingua ufficiale

Per la prima volta nel Sinodo dei vescovi aperto venerdì 1 ottobre in Vaticano il latino non è stata la lingua ufficiale. D’ora in poi i partecipanti seguiranno gli interventi muniti di auricolari per la traduzione simultanea nelle loro lingue. L’abate Carlo Egger: «Per il latino ci sono poche speranze ormai nella Chiesa cattolica. Certamente gli atti ufficilai del Vaticano e i pronunciamenti papali indirizzati al mondo intero continueranno ad essere scritti in latino, ma lo devo dire: tanti vescovi, troppi, non sanno più parlarlo». Solo i voti saranno espressi in latino: al «sì» corrisponderà «placet», al «no» «nonplacet»