«Nella moda maschile del 2000 ci sono segni, non nuovi, di femminilizzazione. Che non sono le gag delle gonne, ma il crescere dell’opulenza dei materiali, la ricercatezza dei particolari, la morbidezza delle forme, la valorizzazione del corpo attraverso la leggerezza dei tessuti che si sollevano su muscoli giovani, toraci ampi, pance piatte, sederi all’insù [ - Cinquantamila.it

Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1999  gennaio 22 Venerdì calendario

«Nella moda maschile del 2000 ci sono segni, non nuovi, di femminilizzazione. Che non sono le gag delle gonne, ma il crescere dell’opulenza dei materiali, la ricercatezza dei particolari, la morbidezza delle forme, la valorizzazione del corpo attraverso la leggerezza dei tessuti che si sollevano su muscoli giovani, toraci ampi, pance piatte, sederi all’insù [

«Nella moda maschile del 2000 ci sono segni, non nuovi, di femminilizzazione. Che non sono le gag delle gonne, ma il crescere dell’opulenza dei materiali, la ricercatezza dei particolari, la morbidezza delle forme, la valorizzazione del corpo attraverso la leggerezza dei tessuti che si sollevano su muscoli giovani, toraci ampi, pance piatte, sederi all’insù [...] L’industria della moda è penetrata subdolamente nei cuori degli uomini, procurandogli quella sofferenza, quel senso di inadeguatezza che da sempre ha umiliato le donne» (Natalia Aspesi).